GLOSSARIO



analisi radiometrica

L'analisi radiometrica è un metodo di datazione elaborato negli anni '50 del Novecento e ancora oggi in corso di continuo perfezionamento. Il metodo si basa sul rapporto, che nell'aria è fisso, tra il normale carbonio (C12) ed il suo isotopo instabile noto come C14: il carbonio è assorbito in misura costante dagli organismi viventi fino a quando, con la morte, il C14 non è più fissato nei tessuti ed anzi comincia a decadere, a un tasso costante, in C12.

Un reperto organico si può quindi datare misurando la quantità residua di C14 presente al suo interno al momento del ritrovamento. Il rapporto C14/C12 non si è mantenuto sempre costante: per ovviare a questo limite si utilizza la cosiddetta "dendrocronologia", un altro metodo di datazione che utilizza gli anelli annuali di accrescimento degli alberi. In questo modo è stato possibile allineare le cronologie storiche e le datazioni radiocarboniche per mezzo di una "curva di calibrazione", che permette di trasformare, con un margine di errore, l'età radiocarbonica in età assoluta avanti Cristo.