GLOSSARIO



analisi antropologiche

Lo studio dei resti ossei umani fornisce un insostituibile supporto alla ricostruzione delle comunità antiche. Le ossa infatti non sono un sostegno inerte e indifferenziato del corpo umano ma un sistema attivo che costituisce una fonte straordinaria di notizie.

Infatti lo studio delle ossa permette di riconoscere le variabili biologiche, ad esempio  il sesso e l'età alla morte, consente anche di individuare le modifiche causate da fattori patologici, come la cattiva nutrizione e le malattie, ed infine uno studio particolarmente attento conduce alla definizione delle variabili bio-culturali, cioè di quei particolari comportamenti che lasciano una traccia sull'apparato osseo, ad esempio l'uso dei denti per attività lavorative. Le ossa ed i denti forniscono anche il materiale per le analisi del DNA, che permettono di definire il patrimonio genetico di una popolazione e, nel caso della necropoli di Selvicciola, i rapporti parentelari tra gli individui sepolti nelle diverse tombe. L'insieme di questi dati consente di delineare il profilo di una popolazione antica.