Più che raddoppiato il numero dei visitatori al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia in occasione delle “Giornate Europee del Patrimonio 2012”

02/10/2012

Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia

Grande successo di pubblico al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio.

Circa 2000 persone hanno visitato nel corso delle due giornate la mostra I Predatori dell'Arte e il Patrimonio ritrovato. Le storie del recupero, inaugurata sabato 29 settembre nella Sala di Venere al piano nobile di Villa Giulia.

Un risultato estremamente positivo in termini numerici (circa il triplo dei visitatori nella prima giornata e il doppio nella seconda, con un incremento complessivo del 107%) se confrontato con quello della edizione dello scorso anno.

Il successo si è ripetuto anche negli altri musei e siti archeologici della Soprintendenza che hanno offerto un ricco calendario di iniziative registrando complessivamente un incremento del 20% di visitatori rispetto allo scorso anno.

Il Museo di Tuscania, con le visite guidate alla necropoli di Guado Cinto;  quello di Viterbo, con la conferenza sul Paesaggio pastorale italiano; il Museo Nazionale di Cerveteri, con una interessante mostra sulla Storia di Cerveteri in età medievale e Rinascimentale; il Forte Sangallo, sede del Museo dell'Agro Falisco a Civita Castellana, con uno spettacolo teatrale sul personaggio di Halesus, messo in scena dai bambini della locale Scuola per l'infanzia "Gramsci"; il Museo di Tarquinia che ha ospitato nella sede monumentale di Palazzo Vitelleschi un concerto di musica classica del quartetto Pessoa; e ancora le aree archeologiche di Bolsena, Grotte di Castro e Corchiano con interessanti visite guidate attraverso percorsi archeologico naturalistici. Senza dimenticare l'anfiteatro di Sutri e l'area archeologica di Santa Marinella che hanno più che raddoppiato il numero dei visitatori.

Un successo ottenuto anche grazie all'importante iniziativa del MiBAC che ha offerto come nelle precedenti edizioni l'ingresso gratuito  nelle numerosissime sedi di competenza statale di tutto il paese.