Storie dall’antichità: incontri con i protagonisti - UN FILO NEL PASSATO: ARCHEOLOGIA DEI TESSUTI NELL’ITALIA PREROMANA

MUSEO NAZIONALE ETRUSCO DI VILLA GIULIA Sala della Fortuna - Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Etruria meridionale

15 maggio ore 16.00, 2014 - conferenza

Margarita Gleba
Università di Cambridge

Conferenza Gleba: locandina

 

Nel corso dell'antichità la produzione tessile era praticata ad ogni livello sociale e costituiva una delle attività più laboriose ed intensive. Di grande importanza culturale e sociale, essa viene annoverata tra i parametri di valutazione del sistema economico antico. Nel corso degli ultimi vent'anni gli studi sui tessuti hanno sviluppato una nuova importante ramificazione in campo archeologico dimostrando quanto si possa apprendere sulla cultura, società, tecnologia ed economia del mondo antico proprio attraverso lo studio dei reperti tessili recuperati dai contesti archeologici.

La scoperta e l'analisi di alcuni frammenti di tessuti e di ornamenti metallici, associati ad abiti principeschi provenienti dalla Tomba delle Mani d'argento nella necropoli dell'Osteria di Vulci, permettono di arricchire i dati a disposizione, fornendo l'occasione per nuovi spunti di riflessione sull'archeologia dei tessuti nell'antichità. Sono stati rinvenuti infatti "bottoncini" in foglia d'oro, probabili elementi decorativi di abiti, con tracce del filo nell'occhiello e due fibule in ferro che conservano resti di tessuto.

Al termine della conferenza verrà dato spazio ad un aspetto di archeologia sperimentale con la dimostrazione dell'utilizzo di telai, fusi e conocchie; verranno realizzati tessuti che riproducono motivi ornamentali noti da contesti archeologici e da iconografie antiche.

Il quadro archeologico-culturale offerto da Margarita Gleba, attraverso momenti affidati alla riflessione sui metodi e risultati delle analisi, nonché alla sperimentazione delle tecniche, consentirà di percorrere "sul filo del passato" la storia dei tessuti nell'Italia preromana.

 

sba-em.comunicazione@beniculturali.it

Documenti da scaricare