Storie di Persone e di Musei “Il museo locale come fabbrica di cultura”

Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Sala della Fortuna

16 marzo, 2018 - conferenza

 locandina conferenza museo Blera 16 marzo 2018

Storie di Persone e di Musei
"Il museo locale come fabbrica di cultura"

Conferenza

Sala della Fortuna
Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia

Venerdì 16 marzo 2018, ore 17.30

 

Protagonista di questo appuntamento del ciclo Storie di Persone e di Musei è il Museo Civico "Gustavo VI Adolfo di Svezia" di Blera (VT), presentato dal Sindaco Elena Tolomei, dal Direttore dell'Istituto Svedese di Studi Classici a Roma Kristian Göransson, dai progettisti Monica Sorti e Giuseppe Picchi, e dai membri del comitato scientifico Jacopo De Grossi Mazzorin, Francesco di Gennaro e Luciano Santella.

 

Il Museo Civico di Blera, istituito nel 1994 ed intitolato alla memoria del re archeologo, rappresenta il punto di partenza del progetto di recupero del patrimonio culturale blerano attraverso il racconto della storia della città e del territorio, dalla preistoria ai giorni nostri.

museo blera 1

Il museo all'aperto dei percorsi turistici suburbani, il deposito dei beni culturali con i materiali archeologici provenienti da scavi e recuperi, il riordino dei documenti dell'archivio storico, la pubblicazione della collana Quaderni del Museo e del periodico della Biblioteca e dell'Archivio La Torretta, la ristrutturazione degli spazi espositivi della ex chiesa di san Nicola e il polo museale denominato "Il cavallo e l'uomo" sono i luoghi di conservazione della memoria storica, individuale e collettiva, di Blera.

 museo blera 2

 

Il grado di civiltà di una comunità si valuta dalla presenza e dal funzionamento delle strutture culturali pubbliche, la biblioteca, l'archivio, il museo. Per questo è sempre più importante rendere accessibili e fruibili queste strutture, utilizzarle come laboratori di produzione culturale attraverso cui mantenere vivo il punto di incontro tra il vecchio e il nuovo e non interrompere il flusso del ricordo e della storia da cui ancora tanto c'è da imparare.

museo blera 3

Il polo museale denominato "Il cavallo e l'uomo", inaugurato nel 2002 e ospitato in un vecchio stabile comunale opportunamente restaurato e riqualificato, è organizzato in un'area dimostrativa all'aperto e due spazi espositivi al chiuso. All'esterno sono esposti gli oggetti della cultura materiale contadina, al primo piano si svolge il tema dei rapporti tra cavallo e uomo in età preistorica e protostorica e, al piano terra, si trattano gli aspetti più recenti del cavallo nella cultura contadina della Maremma e della Campagna Romana. Pannelli, reperti e oggetti della vita quotidiana raccontano il legame tra il territorio e il cavallo, guidano il visitatore attraverso l'archeologia, la storia, le usanze e le consuetudini di un rapporto che ancora oggi caratterizza Blera.

Luogo della memoria e fabbrica di cultura. Questo vuole e deve essere il Museo Civico di Blera "Gustavo VI Adolfo di Svezia".

 

Il ciclo Storie di Persone e di Musei

La conferenza rientra nel ciclo di incontri "Storie di Persone e di Musei", finalizzato al perseguimento dello spirito della Convenzione di Faro (2005) sul valore dell'eredità culturale per la società e, al contempo, ispirato al "decalogo per un Museo che racconti Storie quotidiane" di Orhan Pamuk, per dare spazio e voce alle molteplici realtà culturali locali che popolano il territorio di cui il Museo di Villa Giulia è stato ed è tuttora interprete. Lo scopo è quello di mettere a disposizione degli amministratori locali e dei curatori di raccolte civiche di interesse archeologico presenti nelle regioni del Lazio, dell'Umbria e della Toscana un luogo in cui poter raccontare la loro esperienza di valorizzazione non tanto dalla prospettiva delle "cose" quanto, piuttosto, da quella delle "persone", intese sia come operatori museali che come fruitori culturali, in modo tale da far convergere l'attenzione anche sulla dimensione immateriale della nostra eredità culturale e sulle persone che, a vario titolo, "desiderano" identificarsi in tali valori.

L'iniziativa rientra nella programmazione dell'Anno europeo del patrimonio culturale (2018) e ha ottenuto il patrocinio dell'International Council of Museum (ICOM) sezione italiana.

La partecipazione all'iniziativa così come l'ingresso al Museo per i partecipanti alle conferenze saranno eccezionalmente gratuiti, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Il prossimo appuntamento del ciclo avrà luogo giovedì 22 marzo e sarà dedicato ai Musei Civici di Pitigliano (GR).

 

Documenti da scaricare